01.Cyberbullismo. Etimologia

Cyberbullismo. Etimologia.
Primo incontro.

In questo primo  incontro rivolto soprattutto alle famiglie, si intende far comprendere per sommi capi il significato della parola  “Cyberbullismo”, tenendo conto della differenza che intercorre tra questo e il bullismo tradizionale, della frequenza e del modo con cui esso si verifica. Per fare opera di sensibilizzazione verso gli ascoltatori di questo messaggio, si ritiene doveroso fare un utile riferimento al grande sociologo Émile Durkheim, citando un suo pensiero tratto da una delle sue più importanti opere intitolata Le regole del metodo sociologico” (1895).

0.00.00 0.00.35 0.00.35 Sigla iniziale Sigla di ingresso sul brano “Cosmic_Analog Ensemble Mutatis Mutandis” in fade in (dissolvenza in entrata) (Freemusicarchive.com)

0.00.38 0.01.27 0.01.27 “Quando adempio ai miei compiti di fratello, di coniuge o di cittadino quando onoro gli impegni che ho contratto, io eseguo dei doveri che sono definiti fuori di me e dei miei atti, nel diritto e nei costumi. Proprio quando sono d’accordo con i miei sentimenti più profondi e ne sento interiormente la realtà, questa non cessa di essere oggettiva; poiché i miei doveri non sono io ad averli fatti, ma li ho ricevuti con l’istruzione […] La caratteristica essenziale dei fatti sociali consiste nel potere che essi hanno di esercitate dall’esterno una pressione sulle coscienze degli individui. […] Un fatto sociale si riconosce dal potere di coercizione esterno che esso esercita o è suscettibile di esercitare sull’individuo”. (Duekheim É., 1895, citazione)

0.01.30 0.02.17 0.02.17 Buongiorno a tutti, sono Giovangiuseppe Merenda. Eccomi qui con voi, oggi, in questo primo incontro per parlare di cyber bullismo, un fenomeno che preoccupa molte persone, perché dilaga in tutto il mondo. Ma la cosa che più, lo rende pericoloso è la sua potenza ubiquitaria, dal momento che si effettua attraverso le reti informatiche e può imporre, in questo modo, la sua presenza in ogni parte della Terra per cui, a differenza del bullismo tradizionale, le sue azioni non vengono evidenziate facilmente perché occultabili da false identità che consentono, appunto, ai trasgressori delle regole etiche di agire nel pieno anonimato.

0.02.20 0.02.46 0.02.46 Ho preferito, pertanto aprire l’argomento con una citazione di Émil Durkheim essendo egli stato un grande storico delle religioni, sociologo e anche antropologo e può inoltre considerarsi, assieme a Karl Marx, Wilfredo Pareto, Max Weber, Georg Simmel e Herbert Spencer, uno dei padri fondatori della moderna sociologia.

0.02.49 0.03.03 0.03.03 Iniziamo dunque a cercare di comprendere il significato etimologico del termine in questione, la differenza che esiste tra questo e il tradizionale bullismo e le modalità con cui esso viene eseguito. (Durkheim, Wikipedia, 2011)

0.03.06 0.04.00 0.04.00 Cyberbullismo, può sembrare una parola nuova, ma comunque intuibile dal fatto che le sue origini provengono dal web. In effetti, esso deriva etimologicamente dalla parola “bullismo”, termine attribuito, invece, a un fenomeno in cui le cattive azioni si svolgono, in qualche modo, in prima persona, nel senso che entrambe le parti in causa, sono personalmente presenti in un dato luogo e in un dato momento. Un fenomeno che purtroppo esiste da molti anni e che ancora oggi lo si cerca di combattere cercando di sconfiggerlo con ogni mezzo a disposizione.
Cyberbullismo, dunque, è un termine coniato dall’educatore canadese Bill Belsey, fondatore del sito bullying.org.

0.04.03 0.04.25 0.04.25 Il fenomeno non si verifica solo tra minorenni; alcuni esperti nel settore, infatti, distinguono il “cyber bullismo” o “cyberbullying”, in lingua anglo sassone, che avviene tra ragazzi e “cyber molestia” o “cyberharassment” tradotto sempre in lingua anglosassone, che avviene tra persone adulte o tra un adulto e un minorenne.

0.04.28 0.04.46 0.04.46 Contrariamente al bullismo tradizionale, il cyber bullismo si manifesta attraverso azioni che possono essere tranquillamente realizzate attraverso mezzi elettronici come l’e-mail, i blog, i telefonini cellulari e attraverso i siti web.

0.04.51 0.05.34 0.05.34 Secondo attuali statistiche, svolte da alcuni esperti nel settore, è stato calcolato che circa il 40% dei fenomeni di bullismo viene eseguito su internet, mediante la chat . (Ibidem)
Forse non tutti si rendono conto del fatto che, far circolare delle foto spiacevoli corredate da rispettivi commenti di natura del tutto volgare ed offensiva o inviare messaggi di posta elettronica contenenti materiale altrettanto lesivo alla dignità umana, può fare molto più male di un’aggressione fisica laddove il tutto viene considerato in un vero proprio contesto psicologico.

0.05.37 0.06.25 0.06.25 Ne deriva che se esiste un codice etico e deontologico relativo alla comunicazione online, questo deve far sì che ogni persona debba essere messa in condizioni di poter comunicare in un clima di libera interazione, garantita dalla responsabilità personale, dalla piena consapevolezza nel compiere azioni, nel prendere decisioni e nell’esprimere idee e pensieri.
Un tipo di comunicazione interattiva, dunque, che deve rendere tutti gli uomini consapevoli osservatori dei princìpi che disciplinano le fondamentali regole di convivenza civile e democratica che rappresentano le basi della libertà che ognuno in natura, acquisisce quale diritto fondamentale.

0.06.26 0.06.50 0.06.50 Bene, si chiude qui la prima tappa di questo interessante percorso. Intanto vi saluto e vi do appuntamento al prossimo incontro, dove si parlerà di alcune caratteristiche importanti che le nuove tecnologie offrono e tra queste verranno sottolineati in particolare eventuali loro punti di forza e di debolezza

0.06.51 0.07.24 0.07.24 Musica in fade out Sul finale non parlato, continua il brano “Cosmic_Analog Ensemble Mutatis Mutandis” fade out (dissolvenza in uscita)

Giovangiuseppe

Riferimenti bibliografici e sitografici:

Durkheim Emile, Le regole del metodo sociologico (Règles de la méthode sociologique), (1895), (Citazione)
Durkheim, Wikipedia, enciclopedia libera, disponibile all’’indirizzo: http://it.wikipedia.org/wiki/%C3%89mile_Durkheim (consultato il 12/07/2011) 

Il brano “Cosmic_Analog Ensemble Mutatis Mutandis”  è stato salvato dal sito http://www.Freemusicarchive.org

 

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.